/widgets.js";var sz=d.getElementsByTagName(s)[0];sz.parentNode.insertBefore(z,sz)}(document,"script","zb-embed-code"));

Ipercheratosi

  • Ipercheratosi o calli sono rilevatezze giallastre, caratterizzate da un notevole ispessimento dello strato corneo della pelle (ultimo strato dell’epidermide, si differenzia perché è formato da cellule pavimentose stratificate, morte e prive di nucleo, ha funzioni protettive).
  • Si localizzano su mani e piedi; sono proprio quest’ultimi a creare i problemi maggiori.
    Le possibili cause sono da ricercare in calzature non idonee o in pressioni eccessive, concentrate in particolari punti del piede, dovute a posture non proprio corrette.
  • I calli più duri fanno la loro comparsa soprattutto sulle dita, mentre, calli più morbidi, compaiono tra un dito e l’altro.
  • I calli possono provocare dolore anche autonomamente.
  • La prevenzione è la cura migliore, che si espleta soprattutto con l’utilizzo di calzature consone.
  • Gli specialisti da consultare sono il Podologo (chirurgo ortopedico del piede), il chiropratico (studia le posture) e l’osteopata (esperto nei problemi all’apparato scheletrico). Elementi nutritivi utili contro i calli sono: la vitamina A, la vitamina E e gli acidi grassi essenziali.
  • Rimedi naturali possono essere: l’applicazione di un gel di aloe vera, lo sfregamento con succo di limone fresco o con olio di ricino, un unguento di petali di calendula (applicare 2 o 3 volte al giorno) e una particolare crema naturale.